Cosa Sono

Le Discipline Bionaturali (D.B.N.): Dar Vita agli anni.

(i primi dodici anni del Comitato Tecnico Scientifico della Regione Lombardia)

Le Discipline Bio-Naturali (D.B.N.) sono attività e pratiche fondate su 3 principi culturali e operativi, costitutivi della nuova “cultura della vitalità” :

 

  1. la finalizzazione alla piena espressione della vitalità, patrimonio unico e irripetibile di ogni  persona in qualsiasi età, condizione sociale, stato di benessere.
  1. l’approccio globale alla persona, presa in considerazione come entità vitale indivisibile.
  2. l’utilizzo esclusivo di conoscenze, tecniche, strumenti e prodotti naturali.

 

Il dichiarato intento di operare in modo globale/olistico sulla vitalità della persona le identifica senza ambiguità e le distingue nettamente da ogni altro settore di attività, regolamentata e/o non regolamentata.

Nella pratica delle DBN noi operatori/tecnici contiamo sulla saggezza della “corporeità” e operiamo sulla “vitalità”, agiamo  quindi, per creare le migliori condizioni in cui la persona può esprimere in maniera ottimale le sue personali ed uniche potenzialità;

e per questo non rischiamo di invadere il campo degli operatori sanitari il cui mestiere è invece quello di sostituirsi o correggere gli errori e le insufficienze .

Questo è il primo caposaldo che caratterizza, e distingue, le DBN dalle medicine o altre pratiche scientifiche.

Le DBN sono finalizzate :   “.. a dar vita agli anni, non a dar anni alla vita” ;

“.dar anni alla vita ..comunque ” diventa, alla resa dei conti, prolungare una faticosa e spesso dolorosa sopravvivenza ed incontra comunque un limite finale.

La vita che possiamo dare agli anni, in qualsiasi epoca del nostro arco di vita, non ha invece limiti e la pienezza e gioia di vivere non conosce confini.

Noi,operatori e tecnici  delle DBN, siamo in fondo dei privilegiati …..

I Sanitari sono quotidianamente impegnati  a combattere le patologie in una prolungata guerra di posizione perseguendo lo scopo di scongiurare, o almeno procrastinare la morte, sicuri della sconfitta finale. Gli  specialisti delle  DBN, esaltando la Vitalità, aiutano  a fornire  gli strumenti per riempire gli anni, pochi o tanti che siano, di energia e di gioia di vivere. “Integrando opportunamente” le nostre professionalità, operando in sinergia  siamo oggi in condizione di migliorare  sia la quantità che  la  qualità della Vita (nostra e altrui).

Consideriamo di assoluto valore l’impegno dei Professionisti della Sanità  e dobbiamo esprimergli la nostra più  profonda gratitudine per la fatica e l’impegno con cui affrontano la loro lotta quotidiana,grazie alla loro ricerca molte malattie sono oggi curabili ed alcune sono state debellate. Un progresso continuo e straordinario frutto dello spirito di sacrificio di tantissimi uomini e donne.

Ma noi  siamo sicuramente dei privilegiati.

Privilegiati che hanno (e sentono fortemente) il dovere di garantire (operando sulla vitalità) il massimo livello qualitativo per ogni Disciplina .

Ed è per conseguire questo obiettivo che abbiamo voluto fortemente e difeso tenacemente la Legge Regionale 2/2005 della Regione Lombardia ed abbiamo lavorato sodo.E l’impegno continua

ancora oggi dopo dieci anni anche grazie allo spirito di servizio di tutti gli Enti che si adoperano  affinchè si giunga ad sua corretta e completa applicazione !

 

Il Comitato Tecnico Scientifico delle D.B.N.  insediato in Regione  Lombardia sin dal 2008,

(ma il lavoro di preparazione della Legge era iniziato nel 2002 e la Legge approvata nel febbraio 2005) costituisce di fatto l’esperienza più avanzata in Europa nella realizzazione di organismi preposti alla valorizzazione e alla gestione della formazione e dell’erogazione di servizi nel settore delle DBN allo scopo di tutelarne la qualità e di valorizzare l’esperienza “storica”.

Garantire oggi la sua funzionalità è una responsabilità che ci compete e  che ci dobbiamo assumere per allargare il settore DBN ad altre Regioni e affermare le DBN  ai livelli nazionale ed europeo    quale naturale prosecuzione  di quanto già realizzato negli anni precedenti.

Un successo conseguito  grazie alla collaborazione ed allo spirito di servizio di quanti hanno creduto nella forza di questa Legge ed hanno profuso ogni impegno      per la sua attuazione con il solo fine di  tutelare sia  gli utenti delle Discipline Bionaturali che gli operatori  e gli Enti di formazione in DBN che finalmente dispongono (a titolo gratuito) di un Registro Regionale (non obbligatorio,è bene precisare) che ne riconosce : Conoscenze,Competenze e Abilità

La legge n° 2/2005 della Regione Lombardia e la legge n° 2/2005 della Regione Toscana, segnano la formale istituzionalizzazione di una realtà sociale, professionale e di mercato le cui dimensioni quantitative, in costante crescita da oltre 30 anni, e i cui connotati socio-culturali, plasmati e  strutturati sul campo da decine di migliaia di operatori, non potevano restare ignorati dalle istanze politiche.

Si tratta di un fenomeno complesso, articolato, che ha visto da una parte  lo svilupparsi  di un processo di aggregazione di un gruppo di Discipline attorno ad alcuni principi costitutivi comuni  nel mare magnum delle pratiche tradizionali, complementari e alternative e  dall’altro un piano  di approfondimento e precisazione di tali principi comuni che va a costituire il perno “ideologico-culturale” attorno a cui il processo di aggregazione si è ampliato  e rafforzato.

È un processo tutt’altro che concluso che ha costituito il motore per i riconoscimenti legislativi e che ha tratto e trae dai riconoscimenti legislativi una forte spinta a riconoscersi, definirsi, autoregolarsi !

Oggi La Legge 2/2005 in Lombardia è correttamente applicata.Il Comitato tecnico Scientifico Regionale (C.T.S. Regione Lombardia) conta 150  Associazioni ed Enti di formazione in D.B.N. ed i Registri degli Operatori e degli Enti di Formazione sono pubblicati sul  sito Ufficiale  della Regione Lombardia ,Assessorato alla Formazione e sul sito del Comitato di sostegno D.B.N. nato proprio per sostenere gli impegni culturali e scientifici del C.T.S. (www.comitatodbn.com).

Ma il lavoro non è terminato ! La nostra responsabilità,oggi, è di consolidare l’esperienza Lombarda ed utilizzare questa realtà per ampliarla ad altre Regioni con lo scopo di giungere alfine ad una Regolamentazione Nazionale.

La Regione Toscana e La provincia autonoma di Trento ci ha già seguito su questa via,La Regione Sicilia ha presentato ed ha in discussione una sua proposta di Legge, altre Regioni stanno per presentare proposte di legge,la Legge nazionale 4/2013 ha dato un riconoscimento importante alle attività delle Associazioni Professionali ma da sola non è sufficiente a garantire gli Enti di formazione e gli stessi Operatori!

Una sinergia tra le Leggi Regionali e la Legge 4/2013 potrebbe finalmente costruire un argine ai tentativi posti in essere da altre figure professionali di impossessarsi delle tecniche che sono di competenza esclusive delle Discipline Bionaturali.

Rimane ,comunque,il dato certo che i   12.000 operatori Lombardi delle D.B.N. censiti in Regione Lombardia da una ricerca dell’I.R.E.R. del 2009, pur nelle difficoltà di questa crisi ,che prima ancora che economica è crisi di valori   possono finalmente  guardare con fiducia al proprio futuro

 

MA ….cos’è  iL Comitato Tecnico Scientifico delle D.B.N. della Regione Lombardia

Il Comitato Tecnico Scientifico delle Discipline Bio Naturali (C.T.S.) E’ nato in ossequio alla Legge Regionale  2/2005  “Norme in materia di Discipline Bionaturali, promulgata il 1 febbraio 2005 dalla Regione Lombardia . E’ costituito da rappresentanti di tutti gli Enti di Formazione e dalle Associazioni di Operatori che in questi anni si sono adoperati per diffondere la cultura e le metodiche  delle varie DBN in Regione Lombardia e nel resto del Paese.

La legge 2/2005  mostra la sua vera forza, in particolar modo, nella parte in cui individua gli Operatori DBN, le loro Associazioni, i loro Enti di Formazione quali artefici dei contenuti di merito del provvedimento stesso. Queste figure sono rappresentate anzi, COSTITUISCONO  il Comitato Tecnico Scientifico  che:..cito dalla Legge:

–  Propone i contenuti dei programmi dei percorsi formativi delle diverse Discipline;

–  Elabora i criteri di valutazione dei percorsi formativi e dei programmi di aggiornamento degli Enti

di Formazione

– partecipa alla definizione dei requisiti per l’iscrizione nei Registri degli Operatori e delle Scuole

–  Valuta le domande di iscrizione

Uno strumento, quindi, formidabile se usato correttamente. Una legge aperta, antiburocratica che assegna per la prima volta agli Operatori del settore la responsabilità di riunirsi in una forma assembleare, che è in pratica un vero e proprio “ Parlamentino delle DBN “ (una sorta di Costituente delle DBN) dotato di poteri consultivi .

Questo Comitato ha il compito di sostenere la Regione Lombardia nella attuazione della Legge armonizzando ,nel contempo,le varie discipline in modo da fornire un quadro completo,chiaramente definito e ,soprattutto,concordato fra tutte le Associazioni ed Enti di formazione ,delle abilità,conoscenze,e competenze di ogni operatore DBN

La scelta di operare sposando il principio di sussidiarietà e quindi affidando agli specialisti del settore  il compito di individuare le forme più corrette per gestire il composito mondo delle Discipline Bionaturali è stata VINCENTE.

Un variegato mondo professionale, ricco di esperienza,cultura e professionalità.si è riunito in tavoli di specialità che armonizzati dai suoi dirigenti ha elaborato e prodotto :

  1. Regolamenti di attuazione;
  2. Codici deontologici per gli Operatori,gli Enti di formazione e le Associazioni Professionali;
  3. Profili tecnico/professionali di tutte le specialità rappresentate .

Il giugno del 2009 è stato pubblicato un primo documento ,Presentato ufficialmente in Regione dal Cons.Pietro MACCONI Presidente della Commissione Regionale SANITA’ :

“Profili e Piani dell’Offerta Formativa per Operatori in Discipline Bionaturali definiti dal C.T.S” delle più diffuse DBN in Regione Lombardia e nel resto del Paese.

Il 22 Maggio  2012 Con Decreto nr 4669 della Direzione Generale Occupazione e Lavoro della Regione Lombardia è stato istituito il Registro degli Operatori in Discipline Bio-Naturali ed il registro degli Enti di Formazione in Discipline Bio-Naturali

Nel Luglio 2013 nel Quadro Regionale degli Standard Professionali della Regione Lombardia è istituito  un apposito settore denominato Area delle Competenze Libere ed Indipendenti in cui sono state inserite le Discipline Bionaturali.

Non è stato un cammino semplice.

La difficoltà principale è stata senza dubbio quella di armonizzare le varie componenti e soprattutto, di avviare un confronto costruttivo all’interno dei tavoli e gruppi di lavoro nei quali erano e sono rappresentate tutte le correnti filosofiche e culturali delle varie Discipline; quindi e’ facile immaginare  quali, e quante, possano essere le diversità di approccio anche nel delimitare correttamente le aree di intervento delle Discipline Bio Naturali che, cito dalla Legge :

”…consistono in attività e pratiche che hanno per finalità il mantenimento e il recupero dello stato di benessere della persona, che non hanno carattere di prestazione sanitaria, che tendono a stimolare le risorse vitali dell’individuo attraverso metodi ed elementi naturali la cui efficacia é stata verificata nei contesti culturali e geografici in cui la singola disciplina si é sviluppata “ .

 

Le Discipline Bionaturali oggi  rappresentate nel C.T.S. sono:

Biodanza –  Essenze Floreali – Biodinamica Craniosacrale – Biofertilità – Bionaturopatia – Cinofilia etico bio naturale – Educazione Posturale al lavoro – Danzacreativa – Equitazione Etico Bio Naturale – Kinesiologia – Naturopatia – Ortho Bionomy – Pranic Healing –  Pranopratica – Pratica Metamorfica – Qi Gong – Reiki – Riflessologia Plantare – Shiatsu – Jin shin do – Tecniche Manuali Olistiche – Tecniche manuali ayurvediche – Tecniche Osteopatiche Olistiche – Tecniche suono vibrazionali olistiche  – Tuina – Thai chi Chuan – Karate tradizionale Biodinamico  –Yoga  – Rebirthyng – Water Shiatsu

Roma 2 Novembre 2017

Franco Sammaciccia

Via San Bernardino,6 Bergamo (cell 3336597331)