Decreto Sostegni – Fondo Perduto a favore delle Partite Iva

DECRETO SOSTEGNI – DECRETO-LEGGE 22 marzo 2021, n. 41
GU del 22-03-2021 (entrata in vigore 23/03/2021)

FONDO PERDUTO A FAVORE DEI POSSESSORI DI PARTITA IVA

L’articolo 1 del Decreto prevede l’erogazione di un contributo a fondo perduto per imprese e professionisti, compresi gli enti non commerciali, purché in possesso di partita IVA. A differenza dei precedenti decreti Ristori non viene utilizzato più il criterio dei codici “ATECO” per individuare i soggetti a cui spetta il contributo, riferendosi esclusivamente al criterio trasversale del calo del fatturato. Infatti il contributo a fondo perduto spetta a condizione che l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 sia inferiore almeno del 30 % rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019.
Potranno presentare domanda i soggetti con partita IVA attiva alla data di pubblicazione del decreto. Ai soggetti che abbiano attivato la partita IVA dal 1° gennaio 2019 il contributo spetta anche in assenza dei requisiti di riduzione del fatturato e corrispettivi.

L’ammontare del contributo a fondo perduto sarà pari all’importo ottenuto applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019 e l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020:

a) 60% per i soggetti con ricavi e compensi non superiori a 100.000 €;
b) 50% per i soggetti con ricavi o compensi da 100.000 a 400.000 €;
c) 40% per i soggetti con ricavi o compensi da 400.000 a 1 milione di €;
d) 30% per i soggetti con ricavi o compensi da 1 milione fino a 5 milioni di €;
e) 20% per i soggetti con ricavi o compensi da 5 milioni fino a 10 milioni di €;

Il contributo a fondo perduto non spetta, in ogni caso, né ai soggetti la cui attività risulti cessata alla data di entrata in vigore del decreto né ai soggetti che abbiano attivato la partita IVA dopo l’entrata in vigore del decreto stesso. Per i soggetti che abbiano attivato la partita IVA dall’1 gennaio 2019, ai fini della media di cui al primo periodo, rilevano i mesi successivi a quello di attivazione della partita IVA. Per i soggetti il cui statuto preveda l’anno sportivo (1 settembre – 31 agosto) occorrerà in ogni caso determinare la media mensile dei 12 mesi dell’anno solare 2019 raffrontandola con la media mensile dei 12 mesi dell’anno solare 2020. Per tutti i soggetti, compresi quelli che abbiano attivato la partita IVA dall’1 gennaio 2020, l’importo del contributo non può essere né superiore a 150.000 € nè inferiore a 1.000 € per le persone fisiche e 2.000 € per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

Il contributo a fondo perduto, ai sensi dell’art. 1 comma 7, non concorre alla formazione della base imponibile delle imposte sui redditi ai fini IRPEF, IRES e IRAP. Esso può essere utilizzato nella sua totalità sotto forma di credito d’imposta, da utilizzare esclusivamente in compensazione.

Il comma 8 (dell’art.1) prevede che la domanda per usufruire del contributo a fondo perduto vada presentata esclusivamente in via telematica all’Agenzia delle entrate con l’indicazione della sussistenza dei requisiti definiti in precedenza. L’istanza deve essere presentata, a pena di decadenza, entro 60 giorni dalla data di avvio della procedura telematica per la presentazione della stessa. Le modalità di effettuazione dell’istanza e ogni altro elemento necessario saranno definiti con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate. Inoltre, ai sensi dell’art. 1 comma 9, si applicano le disposizioni previste nel Decreto Legge 34/2020 (Decreto Rilancio) circa le modalità di erogazione del contributo, il regime sanzionatorio e le attività di controllo.

DISPOSIZIONI PER GLI ENTI DEL TERZO SETTORE
L’Art. 14 prevede, infine, per gli Enti del Terzo settore:
• Al comma 1 l’incremento del Fondo straordinario per il sostegno degli enti del Terzo settore per un importo di 100 milioni di euro per l’anno 2021;
• Al comma 2 la proroga al 31 maggio del termine per l’adeguamento degli statuti degli stessi ETS con procedure agevolate.

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELL’ISTANZA PER IL RICONOSCIMENTO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO

MODULO DA COMPILARE

PROVVEDIMENTO-CFP-23.03.2021

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *